Chi siamo

Siamo un’associazione di musicisti che da anni promuove la musica di ricerca.
Ci basiamo su un circuito di musicisti provenienti da tutta Italia, con un bacino di utenza di diverse decine di strumentisti. Promuoviamo attività di ricerca, attività didattiche, di riqualificazione, residenze artistiche, interdisciplinarità, attività discografica, rassegne ed eventi. Con qualche centinaia di musicisti passati sui nostri palchi e quasi 50 incontri di improvvisazione libera rappresentiamo un punto di riferimento nel panorama dei collettivi del centro-nord, tra i più longevi ed attivi della nuova generazione. BlueRing-Improvisers è un collettivo, una comunità di musicisti che si ritrova, studia e lavora condividendo la passione per la musica improvvisata e di ricerca. BlueRing ha formato una comunità di persone (artisti) che da sconosciuti sono divenuti società e che dall’interazione casuale hanno sviluppato un legame profondo, uno spirito dialogico e aperto verso il nuovo, abbattendo spesso le frontiere del genere.

Far parte del nostro collettivo, farlo crescere e cambiare, è stato entusiasmante, ha rappresentato un momento significativo nella nostra formazione e siamo convinti che possa esserlo per ogni tipo di musicista: l’improvvisazione infatti è una pratica, e come ogni pratica va coltivata. Il nostro lavoro, in perenne evoluzione, passa da continue sperimentazioni, alla ricerca del nuovo, dell’inesplorato, mosso dalla gioia della condivisione. Siamo effimeri: un collettivo è tale solo grazie alla volontà delle persone che ne fanno parte. Ma solo grazie ad esse ogni nostro suono diventa più importante, più degno. Il tempo passa, le persone cambiano come l’acqua in un fiume: ma gli argini restano, i segni dell’acqua incisi nella terra e nella pietra. Sono passati sei anni e continuano a fiorire progetti, idee: speriamo di aver dato il nostro contributo alla musica con questa avventura difficile e fantastica.

BlueRing-Improvisers entra con la stagione 2019/2020 nel suo settimo anno di attività. Dopo anni di molteplici interventi sul territorio incentrati sulla interdisciplinearità, sull’abbattimento dei generi musicali e delle barriere culturali, costruiti dal nulla intorno al bisogno di spazi condivisi da e per i giovani dove questi ultimi fossero fautori e non solo fruitori, BlueRing-Improvisers decide di prendere personalità giuridica con lo stato di Associazione Culturale senza scopo di lucro, nell’aprile 2018. Uno spazio creativo totalmente libero da ogni ingerenza stilistica, politica, accademica, lontano dalle logiche utilitaristiche e speculative, Bluering-Improvisers, divenuto il punto di raccordo di numerosi musicisti, ha coordinato numerose realtà, creando una sacca, una bolla, un mondo di artisti per gli artisti e in cui si possa finalmente tornare a parlare di “arte”.